Ricette Calabresi – Maccheroni alla Silana

Ricetta a cura di Piero Cantore:

Piero Cantore

Piero Cantore

La ricetta che vi voglio proporre è una tipica della tradizione contadina calabrese molto diffusa nella provincia di Catanzaro e Cosenza.
Perché di origine contadina? Poiché viene preparata con prodotti semplici del territorio reperibili nelle montagne soprattutto nell’altopiano silano.

Ancora oggi si possono reperire questi buonissimi e particolarissimi prodotti, presso i contadini dell’area che lavorano le materie prime che essi producono o che trovano nei boschi.

I boschi dell’altopiano silano, a partire da marzo fino a novembre, sono ricchi di molte varietà di funghi: si parte con i marzaioli, tipico fungo che nasce nel mese di marzo/aprile (anche se è presente la neve) per poi continuare con le pinnelle o morchelle, poi ai porcini estivi e gallinelle.

Si arriva all’autunno con tante varietà meno conosciute e apprezzate oltre ai porcini della Sila, rositi, mazza di tamburo, ovuli e monachelle.

Il nome della ricetta che vi propongo oggi è: Maccheroni Calabresi alla Silana. Partiamo dagli ingredienti sempre per 4 persone:
– 400g di maccheroni fatti in casa
– 50 gr di olive nere snocciolate
– 400 g di pomodori pelati
– 400 gr di funghi porcini o rositi
– 50 grammi di capicollo stagionato
– mezza cipolla
– prezzemolo tritato
– 1 spicchio di aglio
– ricotta stagionata di pecora

Vediamo come preparare la ricetta:

maccheroni calabresi alla silana

maccheroni calabresi alla silana

In padella fate rosolare la cipolla tritata e l’aglio schiacciato, mi raccomando, dopo che si sarà ben imbiondito levatelo.
Lavate i funghi per bene, tagliateli a pezzetti e fateli rosolare un paio di minuti e dopo aggiungete il pomodoro pelato, le olive nere, il capicollo tagliato a striscioline.

Aggiustate di sale e pepe, mettete il prezzemolo tritato e lasciate cuocere a fuoco moderato per circa 30 minuti.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e poi, arrivata al dente, saltate il tutto in padella, amalgamate bene, disponete in 4 piatti e aggiungete la ricotta stagionata grattugiata a mano e servite il tutto ben caldo a tavola.

Abbinamento con il vino:

Questo primo piatto essendo corposo e abbastanza grasso si abbina perfettamente con un vino di corpo, con una buona persistenza in bocca, io consiglio un rosso FiegoRosso Spadafora Terre di Cosenza.

Prenota ora l'hotel più vicino!

Autore
La mia passione per la cucina nasce da un’antica tradizione di famiglia nel mondo della ristorazione: da piccolo mi ricordo ancora il profumo in sala del pomodoro appena fatto, il suono nella pentola e la lunga cottura. Da questa passione per il cibo e la buona cucina ho deciso di intraprendere un cammino professionale.

Potrebbe interessarti anche...